GRR 2016 28 aprile Teatro Rasi

GGRRRRRFESTIVALManifestoGrrEdoardoFabbri
GRR Festival (Giovani registi raccontano) – Quarta edizione
Il festival, riservato ai giovani registi, è realizzato dagli studenti del liceo artistico Nervi Severini che hanno partecipato nel corso dell’anno scolastico 2015/2016 ai laboratori proposti dal circolo Sogni (l’educazione alla visione di un cortometraggio), dal regista Gerardo Lamattina (la scrittura e la regia cinematografica; la realizzazione del trailer per il Festival GRR), con il coordinamento della professoressa Michela Perla, nell’ambito del progetto RavennaScreen realizzato grazie all’assessorato alla Cultura del Comune di Ravenna.
Sono giunti alla selezione del festival oltre 80 cortometraggi, con una fortissima crescita della presenza degli studenti delle scuole di cinema.
Il concorso è articolato in due sezioni, una riservata ai registi giovanissimi e l’altra per gli allievi delle scuole di cinema italiane e internazionali. Una menzione sarà infine assegnata dall’associazione Cuore e Territorio al cortometraggio che più si è distinto per le tematiche legate al sociale.
Le proiezioni al teatro Rasi del Grr Festival prevedono quest’anno un doppio appuntamento.

IL CONCORSO. Giovedì sera, 28 aprile, dalle 20 alle 22 andranno in scena i corti finalisti per le sezioni in concorso con i cortometraggi: Entre les lignes, di Emmanuelle Remy, Christelle Alion, Tom Casacoli, Nolwenn Eve, Lorenn Le Bec – Scuola ArtFx (Francia); Vague a l’ame, di Yann Caussat – Scuola Estienne (Francia); Wo warst du (Where have you been), di Katja Benrath – Hamburg Media School (Germania); BerlYn, di Pier Lorenzo Pisano (Italia); A long time ago in Silesia, di Tomasz Protokowicz – Film School Wroklaw, (Polonia); Family, di Matteo Florio (Italia); Wert der Arbeit (Sweeper’s Pride), di Matthias Kobmehl – Hamburg Media School (Germania); Cambio a sfavore, Gabriele Spallino (Italia).
L’EVENTO SPECIALE. Venerdì mattina, al teatro Rasi, si terrà un incontro pubblico che vedrà protagonista la regista svedese Carin Bräck, che il pubblico ravennate ha già potuto ammirare nel 2014 con il bellissimo cortometraggio Gretchen.
Carin torna a Ravenna per tenere un laboratorio cinematografico per le scuole superiori e aperto al pubblico in cui parlerà delle sue opere e delle modalità di realizzazione.
Carin Bräck è nata a Stoccolma nel 1963. Ha studiato recitazione, arte, sceneggiatura presso le più importanti istituzioni svedesi (Università di Lund, Göteborg Film School), ha scritto testi sulla scrittura cinematografica e prima di fare film ha fatto di tutto: dalla modella per la scuola d’arte all’hostess al bingo. Ha lavorato come sceneggiatrice ad un episodio di una serie tv svedese Vita Lögner (White Lies) MTV Produktion (durato cinque stagioni) e ha scritto molti dei 60 episodi.
Insegna scrittura per il cinema all’Università. Della sua filmografia vedremo: Gretchen (2013), Prey (2014) e Fötter (2015).

Il festival GRR si terrà il 28 e 29 aprile 2016 al teatro Rasi di Ravenna e sarà ospitato dal festival internazione di cortometraggi “Corti da Sogni – Antonio Ricci”.

INGRESSO GRATUITO